CBD nelle creme

CBD ins Cremes

Il CBD nei cosmetici è la nuova tendenza che arriva ora in Europa dagli USA. Celebrità come Jennifer Lopez, Kim Kardashian, Gwyneth Paltrow e Jennifer Aniston sono già utilizzatori entusiasti del principio attivo della pianta femminile di canapa.

Il CBD non è solo noto per i suoi effetti terapeutici, ma è sempre più utilizzato anche nei cosmetici per una carnagione rinfrescata, una pelle liscia e una luminosità uniforme. Il cannabidiolo è l’ingrediente principale di tutti i prodotti CBD. A differenza del THC, responsabile della nota intossicazione, il cannabidiolo non ha effetti psicoattivi. Pertanto, i cosmetici al CBD non sono solo legali, ma anche salutari. Tuttavia, è importante che il contenuto di THC degli oli CBD assunti per via orale sia inferiore allo 0,2% in modo che soddisfino i requisiti legali dell'UE.

Oltre al cannabidiolo, gli unguenti e le creme al CBD contengono anche sostanze veicolanti naturali che nutrono la pelle. Gli additivi consigliati includono l'olio dell'albero del tè, l'olio di semi di canapa e il burro di karitè, che possono avere effetti positivi, soprattutto sulla pelle secca. Sostanze vegetali come lavanda, rosmarino e calendula vengono spesso utilizzate per influenzare il profumo e ottenere ulteriori effetti.

  • Con l'avanzare dell'età, la produzione di collagene del corpo diminuisce, la pelle diventa più secca e perde elasticità. Il CBD e l'olio di semi di canapa nutrono intensamente la pelle e le forniscono molta umidità.

  • Gli antiossidanti svolgono un ruolo cruciale nella lotta contro i radicali liberi. Il CBD è noto per il suo potenziale antiossidante e, analogamente alla vitamina E, può rafforzare il sistema immunitario e sostenere la pelle soggetta a rughe.

  • L'infiammazione e l'irritazione della pelle accelerano il processo di invecchiamento; anche le più piccole infiammazioni, le cosiddette infiammazioni, possono contribuire a questo. Il CBD sembra essere una delle poche sostanze naturali che hanno forti proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antinfiammatorie. Ciò è particolarmente vantaggioso per la pelle problematica soggetta a infiammazioni e sfoghi e potrebbe anche dare nuova speranza a chi soffre di acne.


 


Ingredienti medicinali

Si dice che il cannabidiolo (CBD) abbia effetti antinfiammatori e rilassanti sia sulla pelle che sulla mente di chi lo utilizza. Concentrazioni più elevate sono spesso considerate più efficaci, sebbene anche piccole quantità possano aiutare a ridurre l’infiammazione cronica come l’acne. Il CBD è consigliato anche in caso di ansia, disturbi del ciclo, allergie e tensioni muscolari.


Anche gli ingredienti medicinali svolgono un ruolo importante nella produzione di creme al CBD.

Alcuni dei più importanti sono:

  • Zinco: favorisce la guarigione delle ferite, allevia il prurito e il dolore.

  • Dexpantenolo: aiuta a rigenerare la pelle ed è contenuto in molti unguenti medicinali.

  • Bisabololo: ha proprietà antinfiammatorie ed è spesso utilizzato per scottature e scottature.



Benefici del CBD per i problemi della pelle

Il CBD può aiutare con una varietà di problemi della pelle:

Pelle irritata, arrossata e secca:

Il CBD ha proprietà antinfiammatorie e può aiutare a lenire le irritazioni della pelle e a rafforzare la barriera cutanea, permettendole di trattenere meglio l’umidità.

Impurità e pori dilatati:

Le proprietà antibatteriche del CBD possono aiutare a combattere l'acne e a restringere i pori.

Rughe e rilassamento cutaneo:

L'olio di CBD è ricco di antiossidanti che possono combattere i radicali liberi e rassodare la pelle, donandole un aspetto più giovane.

Malattie della pelle come acne, rosacea, neurodermite o psoriasi:

Le proprietà antinfiammatorie del CBD lo rendono un’opzione terapeutica efficace per varie malattie della pelle.


CBD per la psoriasi

La psoriasi, conosciuta anche come psoriasi, è una malattia della pelle a lungo termine, non contagiosa e allo stesso tempo una delle malattie della pelle più comuni in tutto il mondo. Poiché si presenta sotto forma di squame, che porta con sé sintomi di pelle arrossata, pruriginosa e dolorosa, è una malattia che può avere un forte impatto sulla qualità della vita delle persone colpite. Poiché la malattia non può essere curata e i metodi di trattamento utilizzati, come creme steroidee, terapia della luce e farmaci sistemici, spesso offrono solo miglioramenti a breve termine e sono spesso associati ad effetti collaterali, le persone colpite cercano altre opzioni di guarigione naturale.

Poiché il CBD ha anche proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche, gli studi dimostrano che il CBD può essere utilizzato specificamente come trattamento naturale per la psoriasi e può alleviare i sintomi della malattia.

I sintomi della psoriasi sono:

  • Aree cutanee rosse, sollevate e infiammate che possono essere ricoperte da scaglie bianco-argentee.

  • Le aree interessate possono prudere, bruciare o ferire.

  • La pelle può diventare secca e screpolata, il che può portare a sanguinamento.

  • Le unghie possono essere ispessite, scolorite o staccate.

  • Possono verificarsi dolore e rigidità articolare, fenomeno chiamato artrite psoriasica.


Ma come può il CBD aiutare con la psoriasi?

Il CBD mira principalmente all’iperattività del sistema immunitario, che svolge un ruolo cruciale nello sviluppo della psoriasi. Regolando la risposta immunitaria, il CBD può aiutare a normalizzare la produzione eccessiva di cellule della pelle, affrontando direttamente la causa alla base della malattia. Questo effetto immunomodulatore costituisce la base per gli ulteriori effetti terapeutici del CBD nella psoriasi.


Antinfiammatorio: Basandosi sulla capacità di modulare la risposta immunitaria, il CBD utilizza le sue forti proprietà antinfiammatorie per ridurre efficacemente arrossamento e gonfiore. Questa azione antinfiammatoria diretta è fondamentale per ridurre al minimo i sintomi visibili della psoriasi e fornire sollievo alle persone colpite.

Sollievo dal dolore: Inoltre, il CBD ha un significativo effetto antidolorifico, che è particolarmente importante per le persone con placche dolorose di psoriasi. Affrontando il dolore direttamente alla fonte, il CBD funge da alternativa naturale agli antidolorifici tradizionali per ridurre il prurito e il disagio associati a questa condizione.

Questo meccanismo d’azione completo, che va dalla modulazione immunitaria agli effetti antinfiammatori fino al sollievo dal dolore, rende il CBD un’opzione promettente per il trattamento e la gestione della psoriasi.

Applicazione di creme e unguenti al CBD

Prodotti come creme e unguenti si caratterizzano per il loro effetto mirato. Possono essere applicati direttamente sulle zone cutanee interessate e sono quindi particolarmente efficaci nel trattamento dei sintomi locali come infiammazione e prurito. Questi prodotti sono formulati in modo tale da poter penetrare in profondità nella pelle e sviluppare le loro proprietà antinfiammatorie e lenitive senza intaccare l'intero organismo. Un altro vantaggio è che spesso contengono ingredienti idratanti aggiuntivi che nutrono e mantengono elastica la pelle secca e screpolata che spesso si verifica con la psoriasi.

Applicazione della crema al CBD

Prima dell'uso, l'area interessata della pelle deve essere accuratamente pulita e asciugata prima di applicare uno strato sottile di crema o unguento al CBD. Con l'uso regolare i problemi della pelle possono essere notevolmente alleviati.


Assumere olio di CBD

Per effetti che vanno oltre il sollievo dei sintomi locali, si consiglia l’assunzione orale di CBD. L'olio di CBD somministrato per via sublinguale (sotto la lingua) può entrare rapidamente nel flusso sanguigno e avere un effetto diffuso in tutto il corpo. Le capsule di CBD offrono un modo semplice e discreto per consumare CBD, con il vantaggio di un dosaggio accurato.

Se utilizzato per via sublinguale, l'olio deve essere tenuto sotto la lingua per circa 60 secondi per garantire un assorbimento ottimale. Il dosaggio può essere aggiustato gradualmente. Si consiglia di iniziare con una dose bassa per osservare la reazione individuale del corpo e adattare di conseguenza il dosaggio.


Uso combinato di prodotti CBD

L’uso combinato di creme al CBD e olio di CBD può rappresentare una strategia completa per il trattamento della psoriasi. Mentre i prodotti topici trattano specificamente i sintomi locali, le forme orali possono ridurre l’infiammazione sistemica nel corpo e contribuire a fornire sollievo dal dolore generale. Questo approccio olistico può migliorare significativamente la qualità della vita delle persone colpite.

La scelta e l’uso dei prodotti a base di CBD per la psoriasi dovrebbero sempre essere effettuati in consultazione con un medico, soprattutto se si stanno già assumendo altri farmaci.


CBD per l'acne

L’acne è molto più di una fastidiosa malattia della pelle. Può compromettere gravemente l’autostima delle persone colpite e portare a stress psicologico. Nonostante i numerosi prodotti per il trucco, le imperfezioni della pelle spesso rimangono visibili. Ma c'è speranza: il CBD, un principio attivo naturale, può migliorare la carnagione.


L'acne è il risultato di irregolarità ormonali che si verificano principalmente durante la pubertà. La sovrapproduzione di sebo porta a pori ostruiti, infiammazioni e forse anche cicatrici. Il dermatologo è il primo punto di contatto per l'acne, ma può aiutare solo in misura limitata.


Effetti del CBD sulla pelle

Gli studi hanno dimostrato che i cannabinoidi presenti nei follicoli piliferi e nelle ghiandole sebacee possono influenzare l’attività di queste ghiandole. Il CBD ha un effetto antinfiammatorio e può regolare la produzione di sebo. Colpisce anche il sistema ormonale del corpo, che può essere utile nel trattamento dell'acne.


Uso del CBD per l'acne

I prodotti CBD sono diversi e possono essere utilizzati sia esternamente che internamente. L'olio CBD, ad esempio, può essere gocciolato sotto la lingua e ha un effetto su tutto il corpo. Speciali maschere al CBD e creme per il viso possono essere applicate direttamente sulla pelle per ridurre l'infiammazione e regolare la produzione di sebo.




CBD per la febbre da fieno

La febbre da fieno è una reazione allergica a determinati pollini che causa sintomi stagionali in molte persone. Sintomi come naso che cola, starnuti, prurito agli occhi e infezioni ai seni possono interferire con la vita quotidiana. Sebbene il trattamento tradizionale con antistaminici e spray nasali sia spesso efficace, molte persone sono alla ricerca di alternative più naturali come l’olio di CBD.

La febbre da fieno è causata da una reazione allergica al polline degli alberi, dell'erba e delle erbacce. La reazione del sistema immunitario porta al rilascio di istamina, che provoca i tipici sintomi del raffreddore da fieno come starnuti, naso che cola o naso chiuso, prurito e lacrimazione e infezioni ai seni.


Trattamento convenzionale della febbre da fieno

Il trattamento convenzionale per il raffreddore da fieno comprende antistaminici e spray nasali, che possono alleviare i sintomi. Nei casi più gravi si consigliano anche spray nasali contenenti corticosteroidi o immunoterapia, ma questi spesso hanno effetti collaterali indesiderati.

In che modo l'olio di CBD può aiutare con la febbre da fieno?

L'olio di CBD offre un'alternativa naturale ai tradizionali farmaci contro il raffreddore da fieno. Ha anche un effetto antinfiammatorio e calmante, senza i gravi effetti collaterali degli antistaminici.

Regolando il sistema immunitario e riducendo l’infiammazione nel corpo, il CBD può essere molto utile per alleviare i sintomi del raffreddore da fieno. E sebbene non sia stato ancora sufficientemente studiato scientificamente, molte persone riferiscono esperienze positive con l'olio CBD per il raffreddore da fieno. Può essere assunto in diverse forme, ad es. B. come olio o spray e agisce rapidamente.


Dosaggio di olio di CBD per la febbre da fieno

Il dosaggio corretto dell'olio di CBD dipende da vari fattori, tra cui il peso corporeo e la tolleranza individuale al CBD. Si consiglia di iniziare con una dose bassa e osservare l'effetto prima di aumentare lentamente la dose.

Si consiglia di iniziare con 2-3 gocce al giorno e di aumentare lentamente questo dosaggio.




Sono consigliati i prodotti CBD della farmacia?

Secondo le severe normative e controlli dell’UE, i prodotti venduti in Germania non devono rappresentare alcun pericolo per i consumatori. Nell'aprile 2019, tuttavia, le catene di farmacie Rossmann e dm hanno dovuto rimuovere temporaneamente dal loro assortimento i loro integratori alimentari contenenti cannabidiolo (CBD) dopo che campioni casuali hanno rivelato che il contenuto di THC consentito era stato superato. Inoltre, la Commissione Europea mantiene un database in cui sono elencati e valutati gli ingredienti approvati per l'uso nei cosmetici. Secondo questo database "Cosing", i consumatori di prodotti CBD affidabili e ad alte dosi possono contare su vari effetti, tra cui la cura della pelle, la protezione della pelle, proprietà antiossidanti e un effetto sebo-riducente, come spiegano gli esperti.

Nel caso dei prodotti lifestyle, che spesso contengono solo piccole quantità di CBD, sono soprattutto gli additivi e non il CBD stesso ad essere responsabili degli effetti pubblicizzati. Nel settore della bellezza questi prodotti sono spesso arricchiti con sostanze naturali come il tea tree oil, la lavanda o il rosmarino per esaltarne le proprietà nutrienti.

Il nostro olio CALMA CBD contiene lo 0,0% di THC.


Produzione della nostra crema CBD di alta qualità

La nostra pelle è un organo sensibile che può facilmente perdere l'equilibrio a causa di influenze ambientali, stress o fattori genetici. Dalla pelle impura alla secchezza fino all'invecchiamento precoce della pelle: l'elenco dei problemi della pelle è lungo e vario. Per fortuna esiste una soluzione naturale: il CBD, chiamato anche cannabidiolo, che viene estratto dalla pianta di canapa. La moderna ricerca dermatologica ha dimostrato che l’olio di CBD e altri oli naturali possono supportare efficacemente il trattamento di vari problemi della pelle.

Oltre al CBD, anche altri oli naturali come l'olio di argan, l'olio di rosmarino, l'olio di mandorle e l'olio di canapa sono molto importanti per la cura della pelle. L'olio di canapa e l'olio di CBD in particolare contengono un mix equilibrato di acidi grassi insaturi, vitamine e antiossidanti che supportano la salute della pelle . L'acido gamma-linolenico in esso contenuto ha proprietà antinfiammatorie e può penetrare in profondità nella pelle per combattere l'infiammazione e favorire la rigenerazione cutanea.

Ecco perché il CBD sta diventando sempre più popolare nei cosmetici. Oltre ai numerosi prodotti disponibili nei negozi, che spesso hanno solo un contenuto di CBD molto basso, puoi anche preparare facilmente tu stesso la tua crema al CBD. La scelta quindi non si limita alle creme, ma si applica anche ai gel doccia, alle pomate o ai balsami. Il nostro consiglio: prepara semplicemente la tua crema al CBD. Ciò significa che hai la possibilità di continuare a utilizzare la tua crema abituale e di godere anche dei benefici del CBD.

L'olio CBD al 30% è molto adatto anche per massaggi particolarmente rilassanti.

Come posso utilizzare l'olio CBD CALMA 30% per ottenere un effetto antietà?

L'olio CBD di CALMA è composto solo da due ingredienti puramente vegetali :

  • Olio MCT di alta qualità, ottenuto dalle noci di cocco
  • CBD premium da canapa BIOLOGICA prodotta in Svizzera secondo le condizioni più rigorose.

Al mattino e alla sera :

  • 2-3 gocce nella crema da giorno
  • 1-2 gocce nella maschera da sera

Di notte:

  • Prima di andare a dormire si consiglia di mettere 2-3 gocce sotto la lingua e lasciarle agire per circa 60 secondi.



Crea la tua crema al CBD: è facilissimo

Prima di iniziare, assicurati di avere tutti gli ingredienti e gli utensili a portata di mano.

ingredienti

  • 3 grammi di Emulsan

  • 1-2 grammi di burro di cacao/burro di karité/cera d'api

  • 30 ml di acqua distillata

  • 15 ml di olio di argan/olio di cartamo/olio di semi d'uva

  • 5 gocce di olio CALMA 30% CBD


Utilità

  • 1 pentola che non viene più utilizzata per cucinare

  • 2 ciotole ignifughe

  • 1 termometro

  • 1 barattolo di vetro con serratura

  • 1 frullatore a immersione

  • Assicurati che tutti gli utensili e le superfici siano puliti e sterilizzati per garantire la qualità della tua crema.


Passaggio 1: riscaldare gli ingredienti

  1. Per prima cosa riempire la pentola con circa 300 ml di acqua e portare l'acqua a ebollizione.
  2. Quindi appendere una ciotola ignifuga nella pentola per creare un bagnomaria.
  3. Aggiungi il burro di cacao, il burro di karité o la cera d'api nella ciotola e lascialo sciogliere lentamente.
  4. Aggiungere l'emulsan e mescolare fino a completo scioglimento.
  5. Aggiungere gradualmente l'olio di argan, l'olio di cartamo o l'olio di vinaccioli e mescolare bene.
  6. Infine, aggiungi l'olio di CBD o i fiori di CBD e mescola bene.

Passaggio 2: lasciare raffreddare la miscela

Rimuovere la ciotola con il composto dal bagnomaria e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.

Controllare poi la temperatura del composto con un termometro e attendere che si raffreddi fino a raggiungere i 40°C circa.


Passaggio 3: preparare l'acqua

Mentre il composto si raffredda, scalda l'acqua distillata nella seconda pirofila alla stessa temperatura del composto.


Passaggio 4: mescolare gli ingredienti

Una volta che entrambe le miscele hanno raggiunto la stessa temperatura, l'acqua distillata viene versata lentamente nella miscela di oli.

Emulsionare bene il composto con un frullatore a immersione. Infine mescolare fino a formare una crema omogenea.



Applicazione, effetti collaterali e durata di conservazione della crema al CBD

Poiché la crema al CBD fatta in casa non contiene conservanti, ha una durata di conservazione limitata. La crema può essere conservata in frigorifero per circa 6-12 settimane oppure congelata per un periodo di tempo più lungo. Si usa come una crema convenzionale, anche se la quantità può essere variata a seconda delle necessità. Gli effetti collaterali sono rari perché il cannabidiolo è ben tollerato e ha un effetto locale. Tuttavia, se si verifica un'irritazione della pelle, è necessario consultare un dermatologo.

I cosmetici CBD offrono un modo naturale ed efficace per prendersi cura e curare la pelle. Realizzando i tuoi prodotti, puoi sfruttare appieno i benefici del CBD e goderti una cura della pelle personalizzata.



 

 

Domande frequenti:

Il CBD fa bene alla pelle?

Sì, le proprietà lenitive del CBD aiutano la pelle sensibile. Regola e lenisce la pelle, aiutando a ridurre problemi come arrossamenti e irritazioni.

Con quali malattie della pelle può aiutare il CBD?

Il CBD può aiutare con malattie della pelle come neurodermite, psoriasi o eczema.

In che modo il CBD aiuta con i problemi della pelle?

Diversi studi dimostrano che il CBD ha un effetto calmante sulla pelle. Il principio attivo può aiutare con la pelle sensibile e i problemi della pelle. Il CBD inibisce la produzione di sebo e regola la naturale barriera cutanea.

Come si può usare il CBD per l’acne?

Il CBD può essere applicato direttamente sulla pelle sotto forma di creme o sieri per ridurre l’infiammazione e regolare la produzione di sebo.

Quali altri effetti positivi ha il CBD sulla pelle?

Il CBD può lenire la pelle arrossata e stressata, opacizzare la pelle e stabilizzare il valore del pH a lungo termine, con conseguente miglioramento della carnagione.
 

Puoi usare prodotti CBD per la pelle senza acne?

Sì, i prodotti CBD sono adatti anche alle persone senza acne. Possono prendersi cura della pelle, lenirla e prevenire l'invecchiamento precoce.
 

Il CBD può funzionare anche dall’interno?

Sì, il CBD può essere assunto anche per via orale, ad esempio sotto forma di olio di CBD. Insieme ad altri principi attivi come l'acido pantotenico e lo zinco, può combattere efficacemente le impurità della pelle.

Scopri di più

Terpene und Katzen – Aufklärung für besorgte Katzenbesitzer
CBD, THC & HHC - Wesentliche Unterschiede

Commenta

Nota che i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati.

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Prof. Dott. Niemeyer

Esperto di CALMA CBD

Dott. Niemeyer è un rinomato esperto nel campo della ricerca sul cannabidiolo (CBD). Con un dottorato in farmacologia, è specializzata nella ricerca sugli usi terapeutici del CBD. In anni di lavoro, ha dato un contributo significativo alla comunità scientifica ed è riconosciuta a livello internazionale per le sue ricerche sull'efficacia del CBD in varie condizioni mediche, tra cui il sollievo dal dolore, l'ansia e i disturbi neurologici. Il loro lavoro non solo ha approfondito la comprensione di come funziona il CBD, ma ha anche contribuito ad aprire nuove strade per lo sviluppo di terapie basate sul CBD. Dott. Niemeyer è appassionato di educare le persone sui potenziali benefici del CBD.